Origini

/
Oggi
/
Pensiero
/
Ricerca
/
Ambiente

Furnari, un paesino del Nord-Est della Sicilia, in Provincia di Messina, adagiato su verdi colline, che godono della protezione benevola del Santuario di Tindari e di un superbo affaccio sull'incanto delle Isole Eolie.

In questo fortunato lembo di terra nasce nel 1864 l'Azienda Cambria.

È chiaro che, fin da subito, tra la ridente regione e la neonata azienda agricola vivrà un'alleanza viscerale. È Matteo, con la sua fervida passione per il vino, a dare inizio alla grande avventura.

L'occasione è l'eccezionale vendemmia che nel 1864 bacia il piccolo appezzamento di terreno che i Cambria coltivano per il proprio fabbisogno.

La quantità e la qualità del vino in quell'anno è talmente elevata e superiore alle aspettative che Matteo decide di vendere il vino in eccesso.

Si dà così il via alla produzione delle prime 100 bottiglie etichettate con il marchio della famiglia.

È l'inizio di una felice storia d'amore e d'imprenditoria, le cui radici sprofondano salde nella terra delle dolci colline furnaresi e il cui percorso viene riscaldato dai magici raggi del sole di Sicilia.

Con il passaggio del testimone a Rocco, figlio primogenito di Matteo, la produzione vitivinicola di casa Cambria s'intensifica. L'azienda dispone ora di nuovi appezzamenti di terreno. E Rocco, che ama molto viaggiare, importa dall'America e da altre lontane mete dei suoi viaggi, nuove avanzate tecniche di coltivazione della vite.

Giungiamo così agli anni Cinquanta. È il 1952 quando la direzione dell'azienda passa al primogenito di Rocco, Matteo.

L'Azienda Agricola compie un altro decisivo passo avanti, affiancando altre attività alla semplice produzione di vino.

Alla cura dei propri vigneti, Matteo aggiunge infatti la gestione di quelli di altri proprietari terrieri della provincia di Messina.

Il nuovo capofamiglia dà così il proprio decisivo contributo a far diventare la viticoltura di Furnari una realtà economica fiorente.

È questo grande sviluppo del settore a spingere Matteo a dare vita, assieme ad un altro proprietario terriero, ad un'azienda di produzione e imbottigliamento.

È in questo periodo che nascono alcuni vini storici di casa Cambria.

Lo spirito innovatore del capo azienda Matteo si manifesta nella scelta di imbottigliare, in collaborazione con la Cantina Sperimentale di Milazzo, una selezione di vino Rosso chiamato "Mamertino", annata 1961, con gradazione alcolica di 15°, da consumarsi se invecchiato a fine pasto o al dessert.

Parallelamente vedono il loro sorgere i rinomati vini Bazia, che comprendevano due distinte tipologie di vini: un vino leggero e molto beverino, la cui gradazione alcolica non superava i 14°, prodotto dai vigneti allocati nella piana di Furnari, e un vino dalla struttura molto complessa, con una gradazione alcolica superiore a 18° gradi, prodotto dai vigneti situati nelle colline assolate a circa 150 – 350 s.l.m.

I vini Bazia riscuotono presto un grande successo e la loro fama si spinge oltre i confini del territorio messinese.

Matteo, animato da grande ottimismo e determinazione, decide nel 1976 di costruire un nuovo impianto automatico d'imbottigliamento nei locali di Barcellona Pozzo di Gotto. I vini prodotti a Furnari venivano così trasportati nella città del Longano, per essere poi commercializzati in tutta la Sicilia.

Cambria - Origini
Cambria - Origini
Cambria - Origini
Cambria - Origini
Cambria - Origini
Dolcetto Bazia 1973
Mamertino 1961
La I bottiglia di Casa Cambria - Vendemmia 1864
Cambria - Origini
Furnari 1922
IM*MEDIA agenzia di comunicazione